Festa di S.Antonio Abate


Si svolge il 17 Gennaio.

La festa e il culto di S. Antonio Abate nel nostro paese hanno origini remotissime, dettate dalla forte tradizione agricola che aleggia nel nostro paese sin dalla notte dei tempi.  Non deve sorprendere, infatti, che le due chiese del borgo di Cerveteri piu frequentate dal popolo, essendo Santa Maria Maggiore la chiesa dei principi Ruspoli, fossero dedicate a San Martino e a Sant’Antonio, l’uno agricoltore e l’altro patrono degli animali.

Per queste ragioni, venne fondata nella seconda metà del seicento, una confraternita con sede nell’antica chiesa del Santissimo Salvatore, nella quale sorgeva un altare dedicato a S. Antonio Abate, al fine di curare le celebrazioni della festa, che come oggi si svolgeva con la tradizionale benedizione degli animali effettuata dalla loggia. La confraternita era legata all’ ospedale di S. Antonio di Vienne (come testimoniato dalle iniziali O. V. , ordo viennensis, al disotto dell’antica statua lignea posta nell’altare maggiore della chiesa), ed era la confraternita con la rendita piu alta tra quelle cittadine.

Oggi la confraternita è confluita, insieme alle confraternite di San Rocco e del Santo Rosario, nella confraternita del Santissimo Sacramento che, insieme ai Massari Ceretani e alla popolazione del rione Boccetta, ogni anno il 17 Gennaio fanno rivivere questa grande festa ancora oggi molto sentita dalla popolazione, con la tradizionale S. Messa, processione e bendizione degli animali, che viene seguita dai festeggiamenti di apertura del carnevale.

Il programma della festa segue qesto schema:

Alle ore 15.00 Santa Messa al centro storico, via dei Bastioni nella chiesa omonima.
Al termine della Santa Messa, processione e a seguire la tradizionale benedizione degli animali.

In queste immagini le immagini della processione del 2016